Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Asia, stirene segue petrolio in calo

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 24/08/2015 (11:38)
In Asia, i prezzi spot dello stirene hanno iniziato a rispondere al calo del prezzo del petrolio NYMEX, riportato a circa $40/bbl durante la scorsa settimana. Intanto, nel mercato del PS, le offerte di importazione in Cina hanno toccato il livello più basso degli ultimi cinque mesi.

All’inizio del mese, la risposta dello stirene spot ai prezzi del petrolio più bassi è stata piuttosto limitata, supportata dai fermi impianto programmati a Taiwan tra agosto e novembre, quando circa 1 milione di tonnellate di capacità di stirene verrà interrotta.

Tuttavia, la domanda debole in Cina causata dal crollo del settore manifatturiero del paese ha giocato un ruolo importante nel limitare gli acquisti di stirene. Inoltre, anche l’aumento dei livelli di scorta, specialmente nell’est della Cina, ha portato alla diminuzione dei prezzi dello stirene in Cina.

I prezzi dello stirene su base FOB Corea del Sud sono scesi di $185/ton sulla settimana, mentre sono diminuiti di circa $250/ton rispetto ai livelli di fine luglio. Intanto, la diminuzione settimanale dei costi del benzene è riportata a circa $85/ton, mentre il costo del benzene è sceso di $195/ton dalla fine di luglio. Per quanto riguarda il NYMEX, il prezzo del petrolio è diminuito di quasi $7/bbl nel mese di agosto.

Gli sviluppi ribassisti delle materie prime e la svalutazione dello Yuan cinese derivante dalla debole crescita economica, hanno influenzato il mercato del PS. I player in Cina hanno riportato prezzi di importazione più bassi per il PS durante la scorsa settimana, toccando il livello più basso degli ultimi cinque mesi, secondo i dati forniti dal Price Index di ChemOrbis.



Fonte: Price Wizard di Chemorbis

Nell’ultima settimana, sia le offerte tassabili che quelle non tassabili di GPPS sono state riportate in calo di $35-55/ton, mentre i prezzi dell’HIPS hanno registrato diminuzioni di $30-40/ton durante lo stesso periodo. Per quanto riguarda il range complessivo del GPPS, sono stati riportati cali fino a $100/ton. Tuttavia, nonostante queste forti riduzioni, è emerso un numero limitato di trattative. Un trader che offre sui minimi del range del GPPS ha lamentato “Sebbene abbiamo il nostro considerevole taglio di prezzo, continuiamo a non ricevere richieste, in quanto la maggior parte dei player, osservando i mercati in calo delle materie prime, si aspetta di vedere ulteriori diminuzioni sui prezzi del PS”.

Una fonte di un produttore di Taiwan ha commentato “La domanda complessiva di PS è molto debole considerati il calo del monomero e la diminuzione dei prezzi del petrolio. Per quanto riguarda i nostri tassi di utilizzo, abbiamo chiuso l’impianto di GPPS, mentre stiamo facendo funzionare l’impianto di HIPS al 70% della capacità. Potremmo riavviare le operazioni all’impianto di GPPS entro la fine di agosto, poiché crediamo che settembre sarà un mese migliore in termini di attività se paragonato ad agosto. Tuttavia, al momento, stiamo operando con margini negativi”.
Prova Gratuita
Login