Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Cina, prezzi PET da esportazione sotto la soglia di $800/ton

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 21/12/2015 (15:21)
In Cina, i prezzi del PET da esportazione sono diminuiti ancora nell’ultima settimana. Le offerte di esportazione hanno perso $20/ton su entrambi i margini del range, e sono scesi sotto la soglia di $800/ton. I prezzi attuali di esportazione indicano i livelli più bassi da metà novembre 2008.

Per quanto riguarda i feedstock, tre produttori hanno già annunciato il contratto del MEG di gennaio con diminuzioni di $40-80/ton su dicembre. Intanto, i costi spot delle materie prime per la produzione di PET sono scesi su base settimanale sia per il PX che per il PTA, mentre il MEG è rimasto per lo più stabile. I prezzi del PX e del PTA sono scesi di $30/ton rispetto all’inizio del mese, mentre sono diminuiti rispettivamente di $15/ton e di $10/ton su base settimanale. Dall’altra parte, i prezzi del petrolio NYMEX sono scesi sotto la soglia di $35/bbl nella giornata di giovedì scorso.



Fonte: Price Wizard di Chemorbis

Con l’avvicinarsi della fine dell’anno, sembra che i player del PET siano ancora più esitanti nel fare nuovi acquisti, mentre non è emerso nessun problema riguardante l’offerta.

Un produttore ha osservato “I prezzi medi del PET sono diminuiti su base settimanale, e abbiamo dovuto tagliare i nostri prezzi di esportazione di $20/ton. Nonostante questa riduzione, i nostri prezzi sono ancora negoziabili, in quanto stiamo ricevendo un numero limitato di richieste sia dal mercato locale che da quelli di esportazione. Il nostro impianto sta funzionando a tassi completi”.

Un trader, che si è lamentato del numero estremamente limitato di trattative, ha sottolineato che nessuno è interessato a rifornire le scorte. Intanto, un altro trader che opera a Shanghai ha osservato “La domanda complessiva resta debole, e non ci aspettiamo nessun cambiamento dell’interesse all’acquisto per almeno due mesi. Non crediamo che la domanda si riprenderà prima di marzo 2016. In generale, i player stanno adottando un atteggiamento di attesa e ci aspettiamo che il mercato sia ancora più calmo la prossima settimana, con l’avvicinarsi della fine dell’anno”.
Prova Gratuita
Login