Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Italia, player mercato PP: attese ribassiste per settembre

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 28/08/2015 (11:28)
I player in Italia hanno iniziato ad esprimere le loro attese per settembre, dopo essere tornati sul mercato alla fine della pausa estiva. I player si aspettano che l’attuale trend ribassista continui anche durante il prossimo mese, considerati la domanda debole e i costi in calo delle materie prime derivanti dalla diminuzione dei prezzi del petrolio.

All’inizio della settimana, i future del petrolio Brent si sono abbassati di $2.70, ovvero del 6.1%, a $42.69/barile, scendendo sotto la soglia di $43/barile per la prima volta da marzo 2009, secondo i prezzi medi settimanali riportati dal Price Wizard di ChemOrbis. Intanto, i prezzi della nafta sono riportati ad un livello inferiore ai $400/ton in Europa, a $350/ton a causa dei costi in calo del petrolio e della domanda debole per i derivati.

Con l’avvicinarsi della fine di agosto, le trattative spot del PP si stanno chiudendo con diminuzioni di circa €100/ton su luglio. Un distributore che ha chiuso le trattative di fine agosto con riduzioni di €100/ton per i carichi dall’est Europa ha riportato che la domanda è molto debole e che si aspetta di vedere prezzi più bassi a settembre, con diminuzioni simili a quelle di agosto.

Un altro distributore ha affermato che si aspetta diminuzioni di €100/ton sui prezzi del PP per settembre, a causa dei prezzi del petrolio in calo e dei costi in ribasso dei feedstock, oltre ai livelli di offerta soddisfacenti e alla domanda debole.

Un terzo distributore che ha chiuso le trattative per i carichi dal nord Europa con diminuzioni di €90-100/ton su luglio ha riportato “Abbiamo venduto la maggior parte delle nostre allocazioni nei primi giorni di agosto, mentre stiamo ora aspettando che il contratto del propilene venga chiuso, prima di decidere la nostra politica di prezzo per settembre, ma ci aspettiamo che i prezzi registrino ulteriori diminuzioni”.

Un trasformatore che si è assicurato dei volumi ridotti di materiale dal suo fornitore regolare del nord Europa crede che i prezzi abbiano ancora spazio per diminuire di circa €100/ton a settembre, a causa dei costi del petrolio e della nafta in calo.

Intanto, le attese ribassiste dei player per il prossimo mese sono supportate anche dal contratto iniziale del propilene di settembre, che è stato chiuso in calo di €110/ton ($125/ton in base al cambio attuale) su agosto a €820/ton ($933/ton) FD NWE.
Prova Gratuita
Login