Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Player Africa e Medio Oriente: mercati poliolefine vicino ai minimi?

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 14/09/2015 (11:28)
I player che operano nei mercati dell’Africa e del Medio Oriente hanno ricevuto i prezzi del PP e del PE di settembre dai produttori del Medio Oriente con diminuzioni a tre cifre, indicando riduzioni di oltre $150/ton. Tuttavia, i player in questi mercati hanno iniziato a chiedersi se i mercati delle poliolefine siano vicini ai minimi. Molti di loro credono che l’offerta sia piuttosto limitata rispetto ad agosto, ma continuano a mettere in evidenza la debolezza della domanda, che potrebbe impedire degli aumenti o almeno limitarne l’entità.

Nel Medio Oriente, un trasformatore della Giordania ha riportato di aver ricevuto le nuove offerte di importazione per settembre da diversi produttori del Medio Oriente, aggiungendo “I produttori dell’Arabia Saudita hanno applicato forti diminuzioni questo mese, e sono disposti ad offrire ulteriori sconti per l’acquisto di ampi volumi di materiale. I livelli complessivi di offerta sono soddisfacenti, ma i venditori potrebbero cercare di limitare la disponibilità per alzare i prezzi. La domanda dei prodotti finiti è leggermente migliorata, sebbene resti al di sotto dei livelli normali. Crediamo quindi che potrebbe essere osservato un trend da stabile a in rialzo. Siccome non abbiamo una visione chiara della direzione del mercato, stiamo prendendo in considerazione l’idea di fare nuovi acquisti nei prossimi giorni”.

In Libano un trader ha osservato “Crediamo che i fornitori stiano limitando l’offerta per preservare il livello del mercato. I fornitori di PE non hanno una disponibilità molto ampia di materiale, mentre la domanda è moderata. In questi giorni, i player si sentono obbligati a fare nuovi acquisti poiché per un lungo periodo di tempo hanno acquistato solamente in base alle necessità immediate”.

In Arabia Saudita, un trader ha sottolineato “Nonostante le offerte di settembre abbiano registrato notevoli diminuzioni, esse restano molto alte considerata la domanda scarsa. I livelli complessivi di offerta sono soddisfacenti, ma abbiamo sentito voci di mercato secondo cui uno dei produttori sauditi potrebbe chiudere l’impianto per manutenzione, sebbene la data prevista per la chiusura non sia stata comunicata. Crediamo che potrebbe essere dopo la festività dell’Eid”.

Secondo i dati riportati nelle Notizie di Produzione di ChemOrbis, PetroRabigh avrà una manutenzione di 50 giorni a ottobre presso gli impianti di LLDPE e HDPE film, che hanno una capacità produttiva combinata di 900,000 ton/anno. Il produttore chiuderà inoltre l’impianto di PP da 600,000 ton/anno durante lo stesso periodo.

Negli Emirati Arabi Uniti, un trader che ha ricevuto offerte da un produttore dell’Arabia Saudita ha affermato “Nonostante le diminuzioni di settembre, continuiamo a credere che i prezzi abbiano spazio per diminuire, dato che la domanda complessiva resta debole. Ciò nonostante, i player iniziano a temere che i fornitori cerchino di limitare la produzione per rialzare i prezzi”.

Per quanto riguarda i mercati dell’Africa, i player hanno espresso opinioni simili. Un trader che offre sia in Kenya che nella Repubblica unita di Tanzania ha commentato “Un produttore dell’Arabia Saudita ha rivisto in calo i prezzi di settembre diverse volte questo mese, ma i buyer continuano a mostrare resistenza verso le sue offerte. Tuttavia, per ora, il produttore sembra voler mantenere stabili le offerte e si rifiuta di accettare controfferte in ribasso anche per acquisti seri. Inoltre, il produttore ha affermato di avere problemi di ritardo nelle consegne e che quindi i buyer non possono posticipare gli acquisti, perché ciò porterebbe a ulteriori ritardi. Intanto, crediamo che la domanda sia migliore in questi giorni”. Il trader ha osservato che l’offerta di HDPE iniezione del produttore saudita è più corta rispetto agli altri gradi di PE.

Anche un trader in Nigeria ha sottolineato che l’offerta di LDPE film dal Medio Oriente sembra limitata, mentre ha aggiunto di aver ricevuto un buon numero di richieste per l’LLDPE film.

Anche i buyer della Tunisia hanno confermato la disponibilità leggermente limitata. Un trasformatore che opera in Tunisia ha ottenuto offerte dai produttori dell’Arabia Saudita e dall’Europa, affermando “L’offerta è corta questo mese, ma i buyer, che sperano di ricevere ulteriori sconti, continuano a resistere ai livelli attuali. In generale, i buyer stanno ancora adottando un atteggiamento di attesa”.

Un altro trasformatore in Tunisia ha sottolineato “L’offerta per settembre di un produttore dell’Arabia Saudita è limitata rispetto ad agosto. La domanda complessiva è debole a causa della pausa estiva e delle diverse festività religiose consecutive, quella del Ramadan e quella dell’Eid. Crediamo quindi che i prezzi possano ancora essere negoziati, considerato lo scarso interesse all’acquisto”.

Anche i player in Egitto si stanno interrogando sullo stato della disponibilità. Un trasformatore di PE ha affermato “Un produttore del Medio Oriente ha annunciato i suoi prezzi per poi ritirarli, in quanto non aveva scorte soddisfacenti per settembre. Intanto, nel mercato della distribuzione i carichi non sono sufficienti, e quindi i prezzi hanno iniziato a stabilizzarsi leggermente. La domanda è moderata e potrebbero emergere presto problemi di offerta”.

Un trader che opera nel paese ha affermato “Stiamo offrendo per conto di due diversi produttori del Medio Oriente, ma nessuno dei due ha scorte sufficienti. Questo mese, stiamo osservando una domanda debole e i nostri clienti stanno chiedendo sconti, limitando gli acquisti a 50-75 tonnellate. Tuttavia, non siamo disposti ad offrire sconti superiori a $5-10/ton, e solamente ai clienti regolari”.
Prova Gratuita
Login