Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Prezzi PET dalla Cina ancora in calo

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 29/06/2015 (11:20)
In Cina, durante l’ultima settimana le offerte del PET da esportazione sono scese sotto la soglia dei $1000/ton poiché i trader hanno seguito il trend globale in calo per questo polimero. Sebbene i costi spot di produzione non indichino un grande cambiamento né su base settimanale né mensile con diminuzioni rispettivamente di CNY500/ton ($82/ton) and CNY175/ton ($29/ton).

Durante la scorsa settimana, i prezzi del PET export dall’Asia sono in calo del $20/ton sui minimi del range complessivo e sono scesi sotto la soglia dei $1000/ton. Secondo i dati forniti dal Price Wizard di ChemOrbis, il trend ribassista sui prezzi del PET da esportazione è iniziato a metà maggio e da allora le offerte hanno perso circa $120/ton. Il grafico sottostante, creato dal Price Wizard di ChemOrbis, mostra lo sviluppo annuale dei prezzi del PET da esportazione dalla Cina, e indica che i prezzi attuali dell’export si attestano in rialzo di oltre $300/ton rispetto ai livelli riportati un anno fa.



Fonte: Price Wizard Chemorbis

Un trader che opera in Cina ha commentato “La domanda complessiva di PET è scarsa in Cina, ma la domanda locale è relativamente migliore rispetto alle esportazioni. Tuttavia, entrambi i mercati hanno registrato una riduzione di prezzo su base settimanale. I tassi di utilizzo per il PET sono riportati a circa il 70%, ma non ci aspettiamo una ripresa dei prezzi. Secondo i nostri calcoli, i prezzi del PET da esportazione dalla Cina mostrano una diminuzione del 15% su base annuale”.

Un produttore della Cina, che offre sui massimi del range complessivo del PET da esportazione, che resta sopra i $1000/ton, ha affermato “Ultimamente è molto difficile chiudere trattative poiché la domanda è diminuita ulteriormente in Cina, abbiamo sentito livelli di offerta molto bassi nel mercato, e sentiamo quindi il bisogno di competere. Siccome non vogliamo tagliare i nostri prezzi, crediamo che non ci sia ragione di offrire in modo aggressivo nel mercato”.

Un trader che opera a Shanghai ha sottolineato che l’interesse all’acquisto è limitato, perché i buyer sono cauti nell’avvicinarsi al mercato, in quanto si aspettano ulteriori diminuzioni di prezzo.
Prova Gratuita
Login