Skip to content

Opzioni Filtro
Testo :
Criteri Ricerca :
Regione/Paese :
Gruppo Prodotto/Prodotto :
Tipo Notizia :
Preferiti:
 

Turchia, pressione dalla Cina sul mercato del PP rimarrà limitata?

di Ufficio Redazione ChemOrbis - content@chemorbis.com
  • 26/11/2015 (11:39)
Il mercato del PP della Turchia ha finora seguito un trend da stabile a in calo nel mese di novembre, con i player che riportano che i fornitori del Medio Oriente e dell’India non hanno fretta di abbassare i loro prezzi nel mercato delle importazioni, nonostante la domanda insoddisfacente e la diminuzione dei prezzi in Cina. Molti player sostengono che questa situazione sia dovuta all’assenza di una forte pressione dalle scorte da parte dei produttori, oltre che alla mancanza dei carichi dall’Iran. Questi fattori avrebbero infatti supportato il mercato del PP della Turchia nel limitare gli effetti della pressione ribassista dalla Cina nelle ultime settimane.

I player stanno al momento aspettando di sentire le nuove offerte dai fornitori regolari con spedizione a dicembre; tuttavia, l’attività resta calma nel mercato del PP della Turchia, con i buyer che stanno posticipando le negoziazioni alla fiera PlastEurasia che si terrà a Istanbul la prossima settimana.

Diversi buyer hanno commentato “I future del petrolio NYMEX sono vicini alla soglia di $40/bbl, mentre la nafta è rimasta per lo più stabile sia in Asia che in Europa. Inoltre, è da due settimane che i prezzi del PP omo di importazione sono scesi sotto la soglia di $900/ton in Cina. Questo farebbe teoricamente scendere le offerte verso la Turchia di $50/ton rispetto ai livelli attuali, ma nessun prezzo nel mercato del PP della Turchia è vicino a quelli teorici in questi giorni. I due mercati devono tornare ad essere bilanciati, e questo è possibile attraverso una diminuzione dei prezzi in Turchia”. Un fornitore del Medio Oriente ha affermato di aver ricevuto controfferte in calo di $50/ton rispetto ai livelli di offerta attuali in Turchia.

Un venditore ha commentato “Non crediamo che i venditori del Medio Oriente abbasseranno in modo aggressivo i loro prezzi, in quanto il materiale dall’Iran è corto, ostacolando il potere di negoziazione dei buyer. I venditori potrebbero concedere solamente piccoli sconti sulle trattative”. I player hanno riportato che l’offerta dall’Iran è stata insufficiente nell’ultimo mese. Un trader ha riportato “La produzione di tre importanti fornitori di PP in Iran ha subito delle limitazioni. Uno di questi fornitori sta offrendo solamente ad alcuni clienti selezionati, un altro sta smaltendo gli arretrati, mentre il terzo sta offrendo solo nel mercato locale”.

Un altro trader ha commentato “La mancanza di una forte pressione dalle scorte e l’atteggiamento relativamente fermo del vicino mercato dell’Europa potrebbero supportare i fornitori di materiale di importazione in Turchia a mantenere le offerte stabili per il momento. Tuttavia, crediamo che i fornitori non vogliano abbassare in misura notevole i prezzi per non supportare un trend ribassista, principalmente a causa della mancanza di conferme d’ordine da parte dei buyer”.
Prova Gratuita
Login